NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Home/Blog/IL BUCINTORO

Bucintoro

IL BUCINTORO

Il Bucintoro era l’imbarcazione del Doge di Venezia, sontuosa, ricca di dorature ed intagli, utilizzata per manifestazioni ufficiali e uscite solenni.

 

Francesco Guardi, Il Doge sul Bucintoro si dirige verso San Nicolò di Lido, 1766, Musée du Louvre, Parigi

 

 

Trentacinque metri di imbarcazione ricoperti di lamine d’oro e tessuti cremisi a bordo dei quali il Doge di Venezia riceveva ospiti ed imperatori, ma soprattutto era il luogo in cui, una volta all’anno, celebrava la “Festa dello Sposalizio”. Nel giorno della Sensa, ossia dell’Ascensione, si festeggia il ricordo della conquista della Dalmazia da parte delle navi veneziane e, da tradizione, in questo giorno il Doge benediceva il mare.

 

Giovanni Antonio Canal, Canaletto, The Bucintoro Returning to the Molo on Ascension Day, 1760, Museum of Art, Philadelphia

 

 

Oggi questa imbarcazione non esiste più. L’ultimo Bucintoro di cui sia ha notizia risale 1722, completamente decorato con foglia d’oro zecchino e con statue lignee. Ben presto divenne simbolo di Venezia e dei veneziani, un colosso che solcava le acque della Serenissima con centosessantotto vogatori e con circa quaranta marinai di equipaggio. Dopo il trattato di Campoformio, Napoleone distrusse l’ultimo esemplare di quest’imbarcazione: fece fondere l’oro che ricopriva la nave e poi le diede fuoco.

 

 

Ricostruire il Bucintoro è sempre stato il sogno dei veneziani, sogno che speriamo diventi realtà.

ShareThis

Ecipa scarl
Sede centrale: Via della Pila, 3/b - 30175 Marghera (VE) - 1° piano | tel. 041.928638 / 041.5382462 | fax. 041.924128
Sede Friuli Venezia Giulia: Via E. Toti, 20 - 34074 Monfalcone (Go) | tel. 0481.410208
e-mail: info@ecipa.eu | sito web: www.ecipa.eu P.IVA 02289210276 - ECIPA è una società ESCo / Certificato UNI CEI 11352:2014

Powered By 42bit srl.
paypal